Cascina Boccia

Indirizzo: Cascina Boccia 55, Tagliolo Monferrato (AL)
Telefono: 3407908301
Fax:
E-mail: cascinaboccia@libero.it
Sito internet: www.cascinaboccia.it

Proprietario: si
Possibilità di visitare l’azienda (si o no; se sì indicare in quali giorni): si, con preavviso
Eventuali strutture ricettive (tipologia e n° posti): no

Superficie coltivata totale (ettari): 7,5
Superficie coltivata a vigneto: 1,5
Altre colture (quali): prati, boschi
Eventuali prodotti acquistabili in azienda: uova, polli, ortaggi
Proprietà dei terreni (se una parte in affitto, specificarne l’estensione): si

Enologo o responsabile di cantina (se consulente, specificarlo): Roberto Rivetti, consulente
Agronomo o responsabile conduzione agricola (se consulente, specificarlo): io
Lavoratori fissi (indicare il numero): no
Lavoratori stagionali (indicare il numero): no
Tipologia di contratto di lavoro utilizzata per i lavoratori fissi:
Tipologia di contratto di lavoro utilizzata per i lavoratori stagionali:
Ricorso a lavoro interinale (si o no, frequenza): no

Vini prodotti (Denominazione e cru o nome di fantasia):
Dolcetto d’Ovada
Barbera del Monferrato
Bisboccia (3/4 dolcetto, ¼ barbera)
Rosato di Barbera

Numero totale di bottiglie prodotte (mediamente): 5000
Vendita diretta (specificare se in azienda, mercati, fiere, e la percentuale): in azienda, mercatini, fiere….la percentuale non la so.
Vendita nella media e/o grande distribuzione (specificare la percentuale e in quali catene, per esempio Coop, Eataly, ecc.): no
Totale vendite ultimo anno (solo vino, fatturato e vendita diretta): 4000

Una breve storia dell’azienda:
Sono nata e cresciuta a Genova e per seguire la mia passione per la terra all’età di 25 anni ho scelto di trasferirmi a Tagliolo per portare avanti la cascina di famiglia. Ho imparato a coltivare le viti da un contadino del luogo e a vivere in campagna e della campagna. Mi piacciono le cose semplici, vere. Il vino secondo me è il connubio tra l’uva e la passione di chi se ne prende cura. Credo debba essere bevuto come si mangia il pane fatto in casa, buono nel suo essere, un piacere fine a se stesso.

Cenni storici e geografici sul territorio (informazioni sintetiche): Alto Monferrato, al confine con la Liguria e con il Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo.

Condizioni ambientali del posto e dell’area di produzione (eventuali rischi ambientali):

I miei principi e idealità di produttore:

La mia opinione sull’utilizzo di OGM:

Comments are closed.