Garage dell’Uva

Ragione sociale: Il Garage dell’Uva Società Semplice Agricola
Indirizzo: Via Selva 4, Settimo Rottaro, 10010 (TO)
Telefono: 335 1019609 (Francesco), 3351019612 (Federico)
Fax:
E-mail: info@garagedelluva.it
Sito internet: www.garagedelluva.it

Proprietario: Società Semplice Agricola composta da tre soci (Francesco Comotto, Izzo Federico, Trotto Gatta Alessandro)
Possibilità di visitare l’azienda (si o no; se sì indicare in quali giorni): sì, su appuntamento
Eventuali servizi in azienda (agriturismo, b&b, ristorazione…):  
Eventuali strutture ricettive (tipologia e n° posti): no
Eventuali prodotti acquistabili in azienda: vino
Descrizione del nucleo famigliare e loro coinvolgimento nelle attività agricole (descrizione sintetica): no nucleo famigliare

Estensione terreni (ha): 1,1729
Superficie coltivata a vigneto: 0,9233
Altre colture (quali): prato e bosco
Tipo di conduzione (proprietà/affitto/altro): 0,4227 in proprietà, 0,7502 in comodato d’uso
Tipo di coltivazione (convenzionale, integrato, biologico, biodinamico, con o senza certificazione, altre particolarità):
Eventuali società di certificazione:
Eventuale laboratorio di analisi utilizzato:

Enologo o responsabile di cantina (se consulente, specificarlo): Dacasto Claudio (consulente)
Agronomo o responsabile conduzione agricola (se consulente, specificarlo):
Lavoratori fissi (indicare il numero): 0 – lavoro svolto dai tre soci
Lavoratori stagionali (indicare il numero): 0
Tipologia di contratto di lavoro utilizzata per i lavoratori fissi: //
Tipologia di contratto di lavoro utilizzata per i lavoratori stagionali: //
Ricorso a lavoro interinale (si o no, frequenza): no

Vini prodotti (Denominazione e cru o nome di fantasia):
Plandrùn vino bianco (erbaluce macerato)
Stermà vino rosso (neretto gentile 40%, nebbiolo 20%, croatina 20%, altri 20%)
Barùss vino rosato (uva rara 40%, neretta cuneese 40%, barbera 20%)
Desgenà vino rosso (barbera 70%, freisa 30%)
Contàcc

Numero totale di bottiglie prodotte (mediamente): 2.500
Vendita diretta (specificare se in azienda, mercati, fiere, e la percentuale): fiere, privati, ristoratori, enoteche 100%
Vendita nella media e/o grande distribuzione (specificare la percentuale e in quali catene, per esempio Coop, Eataly, ecc.): no
Canali distributivi (specificare quali agenti/distributori, aree di interesse, e la percentuale):
Totale vendite ultimo anno (solo vino, fatturato e vendita diretta): 1.200 bott. per circa 10.000 euro

Una breve storia dell’azienda: Il garage dell’Uva nasce dalla volontà di alcuni appassionati di produrre vino utilizzando vecchi vigneti poi integrati anche con alcuni nuovi impianti. Riqualificando in tal modo territori in via d’abbandono e rivalutando vecchi vitigni autoctoni con metodi ambientalmente sostenibili il più possibile artigianali e manuali. Basso utilizzo di prodotti chimici sia in vigna che in cantina, grande spazio all’osservazione in campo e alla prevenzione.

Cenni storici e geografici sul territorio (informazioni sintetiche): I nostri vigneti si trovano all’interno dell’Anfiteatro Morenico di Ivrea, formazione geologica creata dallo scioglimento di un grande ghiacciaio del quaternario. Si trovano in diversi comuni di una grande area del Piemonte nord-occidentale chiamata Canavese in prossimità del Lago di Viverone, la città di Ivrea, il castello di Masino e a pochi chilometri dal fiume Dora Baltea.

Condizioni ambientali del posto e dell’area di produzione (eventuali rischi ambientali): Le colline moreniche sulle quali sono ubicati i nostri vigneti si denotano per il buon drenaggio e l’ottima esposizione solare. Trovandosi sullo sbocco della Valle D’Aosta le colline moreniche sono inoltre interessate da flussi di aria che agiscono molto positivamente soprattutto nei casi di elevata piovosità.

I nostri principi e idealità di produttore: Come accennato in precedenza la nostra idea di viticoltura è molto legata all’osservazione e alla presenza in vigna in modo da ridurre al minimo indispensabile i trattamenti sanitari. Lasciamo i filari inerbiti e non utilizziamo concimazioni aggiuntive se non riutilizzando i sarmenti trinciati e gli sfalci d’erba. Analogo discorso vale per la cantina dove non vengono utilizzati lieviti selezionati e additivi di alcun tipo salvo dosi minime di solforosa in quantità comunque nettamente al di sotto dei limiti di legge.

La mia opinione sull’utilizzo di OGM: Siamo contrari all’utilizzo degli OGM

Comments are closed.