Sempre più pervasiva, sempre più nei vissuti personali di ognuno, si è fatta dispositivo indiscutibile di controllo e contenimento. La psichiatria ha, con la pandemia, consolidato un pericoloso potere pervasivo e annichilente

A cura del Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud
Illustrazioni di Antonello Ruggieri

Siamo un Collettivo Antipsichiatrico e ci proponiamo come gruppo sociale che, costruendo occasioni di confronto e di dialogo, vuole sostenere le persone maggiormente colpite dal pregiudizio psichiatrico. Il nostro impegno consiste nell’osservazione e nell’analisi del ruolo sempre più ingombrante che la psichiatria si vede riconoscere all’interno della società, ponendo particolare attenzione alle modalità e ai meccanismi attraverso i quali essa si espande sempre più capillarmente e trasversalmente. L’attività del collettivo si articola in due diversi piani. Un piano è innanzitutto quello politico, attraverso le forme che sono proprie del collettivo, mentre l’altro è quello della relazione e del sostegno alle persone che richiedono il nostro aiuto. Il lavoro di analisi e di denuncia è accompagnato da iniziative volte alla diffusione di cultura antipsichiatrica come, ad esempio, la presentazione di libri, opere teatrali, film, video, incontri e dibattiti.

Inoltre siamo dotati di un telefono cellulare e riceviamo, allo sportello d’ascolto antipsichiatrico presso la nostra sede, le persone che hanno la necessità di contattarci in caso di emergenza psichiatrica o semplicemente per confrontarsi, avere dei consigli o essere ascoltate. Allo stesso modo veniamo interpellati da diverse persone attraverso il nostro indirizzo email.

Negli ultimi decenni la psichiatria ha radicato il suo pensiero e le sue tecniche nell’intero corpo sociale diventando un vero e proprio strumento di controllo trasversale a varie Istituzioni e fasce d’età. Questa tendenza si è ingrandita e rafforzata durante la pandemia. Aver vissuto un periodo senza contatti sociali dovuto alla paura del contagio, lo stress da confinamento e la crisi economica che sta colpendo ampi strati sociali, ha causato un incremento dei disagi psichici.

L’epidemia da Covid-19, e come è stata affrontata, ha messo in difficoltà una parte della popolazione, generando disagi, patologie e fragilità.

Le persone che hanno sviluppato maggiormente stress dovuto alla pandemia sono le donne e gli adolescenti. Le donne hanno patito maggiormente le conseguenze della crisi economica generata dall’interruzione di alcune attività economiche. Hanno dovuto far fronte all’aumento del lavoro di cura innescato da chiusure delle scuole, dei servizi dedicati all’infanzia e all’assistenza delle persone più fragili; sono aumentate le difficoltà di trovare un equilibrio tra il lavoro retribuito e quello non retribuito. In tutto questo non sono state aiutate economicamente, socialmente o culturalmente ma si è registrato un aumento di diagnosi psichiatriche come depressione, disturbi bipolare e disforia di genere.
Guardiamo anche con preoccupazione a quello che sta succedendo ai bambini e adolescenti in ambito scolastico. Le scuole sono invase da screening neurodiagnostici, alla ricerca di presunti disturbi che altro non sono che la legittima risposta dei ragazzi alla difficoltà del momento. Non è lecito trasformare quanto accaduto in diagnosi, cercando disturbi neurologici che sono semplicemente la conseguenza di una momentanea difficoltà nella crescita e nello sviluppo di ragazzi e ragazze. Si tratta di evitare che i più piccoli vengano raggiunti da questi tentativi, proposti nelle scuole senza alcun quadro normativo, di realizzare screening per andare alla ricerca di questi disturbi.

L’invasione delle diagnosi psichiatriche non risparmia migranti, profughi e vittime delle nostre guerre. Molti di loro che faticano a lasciarsi alle spalle l’orrore e a rielaborare il proprio vissuto anziché ricevere un aiuto materiale e solidarietà umana vengono indirizzati in percorsi psichiatrici con diagnosi di Disturbo da Stress Post Traumatico (PTSD) con largo uso di antidepressivi e/o neurolettici, a volte tali somministrazioni portano ad esiti infausti (episodi autolesionistici, suicidi ecc..). Un orribile quanto reale paradosso che rivela l’inganno e la strategia che gli sta dietro: curare il sintomo, cioè la persona “disturbata”, piuttosto che intervenire sulle reali cause del disturbo, cioè la guerra, la mancanza di lavoro, la fame e le disuguaglianze sociali.”

Le condizioni delle carceri italiane continuano ad essere pessime: le strutture sono fatiscenti, il cibo insalubre, le docce e acqua calda carenti e esiste un sovraffollamento perenne. A tutto questo è da aggiungere annientamento, deprivazione, contenzione fisica, farmacologica, violenza fisica e psicologica. La reclusione genera disagi, patologie e fragilità che spesso esordiscono in carcere e si protraggono anche dopo la scarcerazione. Nel 2019 sono stati 53 in totale i suicidi negli istituti penitenziari italiani (dato confermato sia dalla fonte del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria che da Ristretti Orizzonti) a fronte di una presenza media di 60.610 detenuti ovvero un tasso di 8,7 su 10.000 detenuti mediamente presenti. La salute nei luoghi di reclusione è inesistente, manca personale medico e infermieristico , non si trova un banale farmaco per il mal di stomaco ma i detenuti possono avere accesso a svariati psicofarmaci.

L’Italia è l’unico paese al mondo dove dal 1978 con la legge 180 i Manicomi sono stati aboliti. Ma la riforma del sistema psichiatrico si è rivelata più verbale che materiale: ai cambiamenti formali non sono seguite differenze sostanziali delle condizioni di vita dei soggetti internati. Quello che è certo è che la rivoluzione psichiatrica all’italiana ha riguardato solo i luoghi della psichiatria, ma non i trattamenti e le logiche sottostanti. Con la legge che ordina la chiusura degli Ospedali Psichiatrici, che nel 1978 erano 76, si è verificata una trasformazione che ha visto sorgere tutta una serie di piccole strutture; all’interno delle quali continuano a perpetuarsi sia l’etichetta di “malato mentale” sia i metodi coercitivi e violenti della psichiatria. Ad oggi abbiamo 320 reparti psichiatrici, gli SPDC (Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura) e circa 3200 strutture psichiatriche residenziali e centri diurni sul territorio dove in molti casi si sono conservati i dispositivi e gli strumenti propri dei manicomi, quali il controllo del tempo, dei soldi, l’obbligo delle cure, il ricorso alla contenzione e l’elettroshock. Ci teniamo a ribadire che nonostante le vesti moderne l’elettroshock rimane una terapia invasiva, una violenza, un attacco all’integrità psicologica e culturale di chi lo subisce. Insieme ad altre pratiche psichiatriche come il TSO (Trattamento Sanitario Obbligatorio), l’elettroshock è un esempio, se non l’icona, della coercizione e dell’arbitrio esercitato dalla psichiatria. Il percorso di superamento dell’elettroshock e di tutte le pratiche non terapeutiche (obbligo di cura, contenzione meccanica e farmacologica, internamento) deve essere portato avanti e difeso in tutti i servizi psichiatrici, in tutti i luoghi e gli spazi di cultura e formazione dove il soggetto principale è una persona che, insieme ai suoi cari, soffre una fragilità.

Nei reparti psichiatrici italiani si continua a morire di contenzione meccanica, sia in regime di degenza sia durante le procedure di TSO. La contenzione non è un atto medico e non ha alcuna valenza terapeutica: è un evento violento e dannoso per la salute mentale e fisica di chi la subisce; offende la dignità delle persone e compromette gravemente la relazione terapeutica. Ribadiamo la necessità di proibire, senza alcuna eccezione, la contenzione meccanica nelle istituzioni sanitarie, assistenziali e penitenziarie italiane.

Un altro inganno del sistema psichiatrico sta nel credere che un Trattamento Sanitario Obbligatorio duri in fondo solo sette giorni, o quattordici nel caso peggiore. La verità è che il TSO implica una coatta presa in carico della persona da parte dei Servizi di salute mentale del territorio che può durare per decenni. Una volta entrato in questo meccanismo infernale, una volta bollato con l’infamia della malattia mentale, il paziente vi rimane invischiato a vita, costretto a continue visite psichiatriche e soprattutto, a trattamenti con farmaci obbligatori pena un nuovo ricovero. Per i ricoverati in TSO e considerati “agitati”, si ricorre ancora all’isolamento e alla contenzione fisica, mentre i cocktail di farmaci somministrati mirano ad annullare la coscienza di sé della persona, a renderla docile ai ritmi e alle regole ospedaliere. Il grado di spersonalizzazione e alienazione che si può raggiungere durante una settimana di TSO ha pochi eguali, anche per il bombardamento chimico cui si è sottoposti. Ecco come l’obbligo di cura oggi non significhi più necessariamente la reclusione in una struttura, ma si trasformi nell’impossibilità di modificare o sospendere il trattamento psichiatrico sotto costante minaccia di ricorso al ricovero coatto sfruttato come strumento di ricatto e repressione.

I colloqui spesso sono troppo brevi, giusto il tempo per darti la terapia e senza la possibilità di essere ascoltati o di esprimere i dubbi e le difficoltà. Chi è obbligato a frequentare i servizi psichiatrici e costretto ad assumere psicofarmaci è probabile che debba continuare a prenderli per il resto della vita, proprio come un “diabetico prende l’insulina”. Inoltre la possibilità di ricevere un piccolo stipendio induce le persone in carico ai centri d’igiene mentale ad accettare spesso lavori umilianti, sottopagati, ripetitivi e poco stimolanti. L’unico interesse della psichiatria non sembra essere quello dichiarato della “cura”, ma la progressiva cronicizzazione del malessere: tutte le altre discipline mediche hanno come obiettivo la dimissione del malato, il sistema psichiatrico, invece, ti prende in carico a vita.

Continueremo a lottare con forza contro ogni dispositivo manicomiale e coercitivo (obbligo di cura, trattamento sanitario obbligatorio, uso dell’elettroshock, contenzione meccanica, farmacologica e ambientale, ecc.) e per il superamento e l’abolizione di ogni pratica lesiva della libertà personale. Un concreto percorso di superamento delle pratiche psichiatriche passa necessariamente da uno sviluppo di una cultura non etichettante, senza pregiudizi e non segregazionista, largamente diffusa, capace di praticare principi di libertà, di solidarietà e di valorizzazione delle differenze umane contrapposti ai metodi repressivi e omologanti della psichiatria.

Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud
via San Lorenzo 38, 56100 Pisa
antipsichiatriapisa@inventati.org
www.artaudpisa.noblogs.org
3357002669 

ANOMALIE GRAFITE
Le illustrazioni a corredo di questo articolo sono tratte da “Non
si è mai certi di non essere folli”, Antonello Ruggieri mostra
personale a spazio Galileo (Leoncavallo S.P.A.), Novembre 2021.
La razionalità della follia e il suo codice comunicativo si
rivelano attraverso geometrie di figure piane percepite a più
dimensioni. L’atto meccanico ma casuale del segno riesce a
cogliere le “leggi” cosmiche della follia.

Da L’Almanacco de La Terra Trema. Vini, cibi, cultura materiale n. 23
16 pagine | 24x34cm | Carta Nautilus Classic gr 100 | 2 colori


LEGGI E SOSTIENI L’Almanacco de La Terra Trema.
Le modalità di adesione sono elencate QUI.

Last modified: 27 Mar 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.