22 giugno 2013 | Viaggio a S. Stefano | Un fiore per l’abolizione dell’ergastolo

802

Written by:

Ripartiamo.

Il 22 giugno torneremo all’ergastolo di S. Stefano (Ventotene). Al cimitero degli ergastolani di S. Stefano.

Torniamo alla nostra Mecca.
Torniamo al nostro pellegrinaggio annuale col testamento che ci ha lasciato Luigi Veronelli.
L’anno scorso abbiamo ridato  un nome a gran parte delle persone sepolte nella piccola isola nel mar tirreno. L’abbiamo fatto aiutati da uno scritto di Luigi Veronelli ,  che qualche tempo dopo la chiusura del carcere fece un viaggio sull’isola addentrandosi fin nel cimitero alla ricerca della tomba di Gaetano Bresci, ricostruendo anche la mappa nominale di gran parte delle 47 tombe.
Quest’anno, come l’anno scorso,  ci andremo per portare dei fiori su quelle tombe.
Porteremo dei fiori, su quelle tombe,  nei pressi di quel carcere,  su quell’isola,  per  l’abolizione dell’eragastolo.
Per immaginare un orrizonte liberato dalle carceri. Per opporci alla tortura che viene praticata nelle carceri italiane attraverso l’ergastolo, le sezioni del 41 bis, il sovraffollamento in molte sezioni penali e giudiziarie, il permanere degli ospedali psichiatrici giudiziari , la presenza ancora di bambini e bambine con le loro madri in sezioni carcerarie, le numerose morti…
Ci andremo con un pensiero ai fratelli e ai compagni a cui è stata negata  e limitata la libertà.

Ci andremo per incontrare di nuovo i fratelli, i compagni, gli amici con cui abbiamo condiviso questo viaggio l’anno scorso,  con cui abbiamo condiviso la bella serata al Cinema Mexico di Milano  il 27 maggio di quest’anno e con cui stiamo condividendo il progetto/la campagna/l’avventura LIBERI DALL’ERGASTOLO.
Vi invitiamo a condividere con noi questo viaggio e questa avventura

 

307046_3408447934970_883652828_n

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
8164158303_82022db094_n

 

 

PORTA UN FIORE PER L’ABOLIZIONE DELL’ERGASTOLO
22 giugno 2013
Viaggio al cimitero degli ergastolani nell’isola di S.Stefano (Ventotene)
Il 22 giugno 2013, in occasione della giornata mondiale dell’ONU contro la tortura, ritorneremo al cimitero degli ergastolani dell’isola di Santo Stefano (Ventotene), attiguo al vecchio carcere borbonico. Un luogo simbolico da vedere e far vedere perché racconta in modo emblematico, con le sue 47 tombe, non solo la spietatezza dell’esclusione degli ergastolani dal consorzio umano anche dopo morti, ma soprattutto ciò che oggi è l’ergastolo. La mattina del 22 attraverseremo il mare che separa Ventotene dall’isola di Santo Stefano per visitare il carcere guidati da Salvatore dell’associazione Terra Maris che ce ne illustrerà la storia. Cammineremo poi verso il cimitero per ricordare, portando dei fiori, l’appartenenza alla comunità umana delle persone che lì sono sepolte, e di tutti coloro che si spengono socialmente e muoiono fisicamente all’ergastolo.
Per il pomeriggio sera stiamo cercando di organizzare altri due momenti da poter condividere:
Una visita alle Cisterne romane di Ventotene dette “dei carcerati”, dove vissero reclusi per volere di Ferdinando IV di Borbone, cento forzati, che lavoravano sull’isola e che intervennero con pitture murali, disegni e graffiti sulle pareti di queste particolarissime celle.
Un incontro aperto alla cittadinanza (nella piazzetta antistante le Cisterne) per proiettare i filmati che documentano il viaggio del 2012. Illustrare il progetto “liberi dall’ergastolo”. E raccogliere riflessioni, idee sull’esperienza in corso e l’immaginario che essa ci apre.

Istruzioni per organizzare in autonomia il viaggio:

Per arrivare a Ventotene si parte da Formia o con traghetto o con aliscafo.
Alcuni di noi saranno a Ventotene già venerdì 21 giungo.

Chi decide di arrivare direttamente sabato mattina può prendere il traghetto da Formia delle ore 9,15. L’appuntamento per tutti è all’arrivo di questo traghetto al porticciolo di Ventotene alle ore 11,15.
Per prenotare il pernottamento bisogna rivolgersi alle varie agenzie di Ventotene, lo scorso anno abbiamo utilizzato l’agenzia Bentilem 0771 85365.
Per comunicare la propria adesione e per informazioni scrivere a:
info@laterratrema.org
assliberarsi@tiscali.it;
nicovalentino@tiscali.it;
baruda@hotmail.it.

Per informazioni e immagini sui precedenti viaggi e sul progetto “liberi dall’ergastolo”: liberidallergastolo.wordpress.com
Sull’ergastolo leggi anche (dal blog di Baruda):
Adotta il logo contro l’ergastolo!!
L’ergastolo e le farfalle
Un fiore ai 47 corpi
Aboliamo l’ergastolo
Gli stati modificati della/nella reclusione
Il cantore della prigionia
Piccoli passi nel carcere di Santo Stefano, contro l’ergastolo
La lettera scarlatta e la libertà condizionale
Perpetuitè
Il 41 bis: se questo è un uomo

Last modified: 23 Novembre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.