Sulla pelle viva. Nardò: la lotta autorganizzata dei braccianti agricoli

1010

Written by:

BRIGATE DI SOLIDARIETA’ ATTIVA MILANO presentano:

||MERCOLEDI’ 8 FEBBRAIO 2012||ZAM in Via Olgiati 12|| ore 21

Presentazione del libro:

Sulla pelle viva. Nardò: la lotta autorganizzata dei braccianti agricoli
Brigate di Solidarietà Attiva, Devi Sacchetto, Gianluca Nigro, Mimmo Perrotta, Yvan Sagnet
ed. Deriveapprodi

Introduce:
Nives Sacchi – BSA Milano

Proiezione video-documentario sul campo di Nardò 2010-2011
Interventi di:
Yvan Sagnet, studente-bracciante portavoce dello sciopero, ora Flai-Cgil
Maria Desiderio, coordinatrice nazionale BSA
Ahmed, bracciante di Rosarno
Paolo Bellati, Folletto 25603 | La Terra Trema, Abbiategrasso (MI)

Uliveti, terra rossa, capannoni e benzinai; campi di angurie e pomodori, biciclette sbilenche sul ciglio della strada, un vento che sa di Africa. Masseria Boncuri, tende blu nel piazzale di fronte, su uno striscione di cinque metri la scritta:«Ingaggiami contro il lavoro nero». Africani di ogni nazionalità popolano il campo di accoglienza per braccianti, chi cammina lungo la strada portando un’anguria, chi riempie una bottiglia dalla cisterna dell’acqua potabile, chi trascina un materasso cercando l’ombra degli alberi. Un impatto surreale, la sensazione di varcare i confini di un microcosmo, un piccolo paradigma di marginalità e compromesso, di essere catapultati dentro una realtà parallela – a pochi chilometri dalle più belle spiagge pugliesi gremite di turisti – fatta di pantaloni sporchi di terra, mani rovinate dal lavoro, sguardi di attesa.
Braccianti stranieri, tunisini, marocchini, sudanesi, costretti a vivere in condizioni di estrema emarginazione sociale, sottoposti a un capillare sfruttamento sedimentato da ormai vent’anni. La maggior parte di loro conosce questo posto grazie al passaparola tra amici e parenti: «a Nardò c’è lavoro». Ma non tutti sanno davvero cosa li aspetta una volta arrivati. (…) Vivere, vedere con i propri occhi giorno dopo giorno cosa voglia dire essere un bracciante straniero in Italia crea fratture interne, mette in crisi il senso comune, obbliga a riscrivere l’equilibrio di ogni singolo «volontario» che si divide tra turni di gestione del campo ed emergenze. La violenza delle condizioni di vita dei migranti e l’essere lì, immersi in una comunità così lontana, tra polvere, tende, giacigli di fortuna, imprevisti, troppo spesso disperata rassegnazione per un destino che semplicemente si accetta perché non si ha scelta, fa vacillare il senso di giustizia. (…)
Si arriva e si parte cambiati. Si arriva con il proprio bagaglio di esperienze, di libri letti, con la personale concezione di militanza e volontariato. Si riparte con il caos dentro, ma con la consapevolezza che la logica della militanza «ordinaria» è stata stravolta e messa in discussione. Si arriva con un’idea vaga di quello che sarà e si riparte sapendo che quelli vissuti non sono stati giorni di volontariato ma di pratiche politiche, i cui risultati visibili non saranno immediati. Nel mezzo, si lavora nella speranza di poter fare la differenza, sapendo di contribuire individualmente ad un progetto collettivo complesso, articolato, sperimentale e difficile.

(dal capitolo “Masseria Boncuri: sciopero e contraddizioni” delle BSA)

**durante la serata sarà possibile acquistare le arance della campagna Ingaggiami, prodotte a Rosarno senza sfruttamento nè mafia.

Zona Autonoma Milano
ZAM
Via Olgiati 12,Barona
Tram 14,Bus 95
MM2 Famagosta
www.zam2011.tk

Last modified: 20 Ott 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.