Chateau Pascaud Villefranche

Indirizzo: rue Pernaud 1, 33720, Barsac, Bordeaux
Telefono: 0033 647 633 736
Fax:
E-mail: chateau.pascaudvillefranche@orange.fr
Sito internet:

Proprietario: Famiglia Pascaud (Pierre Pascaud e figli)
Possibilità di visitare l’azienda (si o no; se sì indicare in quali giorni): sì, in qualsiasi momento, previo avviso
Eventuali strutture ricettive (tipologia e n° posti): ospitalità in casa nostra
Descrizione del nucleo famigliare e loro coinvolgimento nelle attività agricole (descrizione sintetica): Chateau Pascaud Villefranche è una piccola azienda a forma di casa di campagna, diretta da Fabien Pascaud e composta da uno staff sempre cambiante di persone provenienti da diversi paesi e culture, che periodicamente ritornano, lavorano e condividono un’esperienza di vita scandita dai ritmi della terra e delle stagioni

Superficie coltivata totale (ettari): 6
Superficie coltivata a vigneto: 6 ettari
Altre colture (quali): un piccolo orto per nostro usufrutto
Eventuali prodotti acquistabili in azienda: vino
Proprietà dei terreni (se una parte in affitto, specificarne l’estensione): proprietà famigliare

Enologo o responsabile di cantina (se consulente, specificarlo): Fabien Pascaud con l’aiuto di “ENOSENS: centre oenologique de Cadillac”
Agronomo o responsabile conduzione agricola (se consulente, specificarlo): Fabien Pascaud
Lavoratori fissi (indicare il numero): 0
Lavoratori stagionali (indicare il numero): 10
Tipologia di contratto di lavoro utilizzata per i lavoratori fissi: /
Tipologia di contratto di lavoro utilizzata per i lavoratori stagionali: “ouvrier  agricole”
Ricorso a lavoro interinale (si o no, frequenza): no

Vini prodotti (Denominazione e cru o nome di fantasia):
Sauternes (2009, 2010, 2011, 2014, 2015)
Sauvignon Blanc Natur 2018

Sémillon Natur 2018

Numero totale di bottiglie prodotte (mediamente): 7.000 (varia da 0 a 20.000)
Vendita diretta (specificare se in azienda, mercati, fiere, e la percentuale):
Vendita nella media e/o grande distribuzione (specificare si o no e se si in quali catene, per esempio Coop, Eataly, ecc.): In questo momento abbiamo solo un piccolo distributore (distribuzione locale: 5 province) fisso.  Altri piccoli distributori hanno acquistato occasionalmente il nostro vino, ma la nostra politica di prezzi promuove soprattutto la vendita diretta a privati a prezzi accessibili. Visto che il Sauternes è un vino molto delicato, soprattutto se prodotto in modo biologico, vi sono frequentemente vendemmie o parti di esse di qualità inferiore.  In questi casi non imbottigliamo il vino, lo vendiamo sfuso a grandi catene di distribuzione che poi applicheranno un’altra etichetta con un altro nome.  Queste vendite sono occasionali e le catene variano. 
Totale vendite ultimo anno (solo vino, fatturato e vendita diretta): 70.000 €

Una breve storia dell’azienda:
L’esperienza acquisita dalla famiglia Pascaud nella produzione di Sauternes si rimonta a varie generazioni che, da due secoli or sono, lavorarono le terre dei domini adiacenti fino a rendersi indipendenti e inaugurare, nel 1986, lo Château Pascaud Villefranche. Conosciuti nella regione per il loro “Savoir Faire”, i Pascaud riuscirono, se pur con le complicazioni date dalla produzione del Sauternes, a liberare la propria terra dall’uso di fertilizzanti e pesticidi sin dal 1995 e sono attualmente una delle pochissime cantine della zona ad aver ottenuto la certificazione Ecocert.

Cenni storici e geografici sul territorio (informazioni sintetiche):
Situato nella piccola regione vinicola di Sauternes, a pochi chilometri al sud di Bordeaux, il villaggio di Barsac si distingue dal resto della denominazione per la presenza di una conformazione di rocce calcaree molto antiche nel suo suolo, che conferiscono al vino un  livello più alto di acidità.  Il clima peculiare di questa regione, caratterizzato da un’alternanza continua di pioggia e forte sole, permette che l’espansione della muffa nobile avvenga con frequenza. Questo fungo dalle proprietà uniche provoca l’appassimento accelerato dei chicchi sulla vite, concentrandone le sostanze e i profumi e conferendo al vino un sorprendente ventaglio di note aromatiche.

Condizioni ambientali del posto e dell’area di produzione (eventuali rischi ambientali):
La produzione Sauternes è altamente rischiosa, dando luogo a risultati molto diversi ogni singola annata. Perchè la botritys cinerea o muffa nobile possa trasformare il contenuto dell’uva in Sauternes, aumentando la sua concentrazione di zuccheri, l’umidità mattutina dev’essere seguita da un forte sole, caso contrario l’uva marcisce. Il clima umido favorisce inoltre lo sviluppo di altri funghi e malattie la cui espansione è molto difficile da controllare. Sono perciò rarissime le cantine che in questo territorio hanno deciso di seguire politiche bio. La contaminazione dovuta all’utilizzazione di prodotti chimici da parte dei proprietari contigui costituisce quindi un rischio ambientale per il nostro territorio, a cui si somma il problema della monocultura del vino da cui storicamente è circondata la città di Bordeaux.

I miei principi e idealità di produttore:
“Ogni giorno imparo qualcosa di nuovo dalla natura. La terra si basta a sé stessa. Io tratto le viti col rispetto dovuto a un essere vivente e mi rifiuto di utilizzare qualsiasi tipo di fertilizzante o pesticida. Per me il vino è anzitutto la condivisione di istanti di piacere.”

SAUTERNES PASCAUD VILLEFRANCHE

È un prodotto di alta qualità, ad un prezzo sincero

Con un carattere particolare dato dalla sua umanità, che si esprime nella cura amorevole e nell’attenzione ai minimi dettagli del lavoro in vigna

Nel rispetto verso la terra e verso ogni lavoratore, che si vede non tanto come manodopera quanto come persona capace di apportare e condividere ogni momento e luogo della vita quotidiana legata all’azienda

Ma anche dalle scelte coraggiose sia in vigna che in cantina, che trasferiscono al prodotto finale caratteristiche uniche, capaci di definire una sua identità specifica all’interno della denominazione.

La mia opinione sull’utilizzo di OGM: Non sono d’accordo con l’utilizzo di OGM

Comments are closed.