Canavese Nebbiolo Doc Vin dal Sindic

Annata: 2020

La viticoltura

Nome vigneto/i: diversi: mosca, andrea
Superficie: 0,23 ha
Suolo: terreni di origine morenica con scheletro abbondante, tendenzialmente sciolti a ph acido/sub-acido
Esposizione dei filari: diversi
Altitudine: 280 m s.l.m.

Vitigno/i: 85/90% nebbiolo 10/15% Chatus (vitigno autoctono a maturazione tardiva originario delle zone pedemontane dell’arco alpino piemontese e d’oltralpe : da noi si chiama Bourgnin
Portainnesto/i: diversi
Forma di allevamento: guyot
Anno d’impianto: 2000
Densità d’impianto: 3000 ceppi/ha
Produzione per ceppo: 2,3 kg/pianta
Produzione per ettaro: 70 q/ha

Trattamenti: essendo bio utilizziamo solo i prodotti ammessi che sono sostanzialmente prodotti di copertura (rame, zolfo, piretro, bacillus thuringiensis, spinosad, lieviti). Considerato ciò il numero dei trattamenti dipende dalla pressione delle malattie e dall’andamento climatico in particolar modo dai dilavamenti effettuati dalle piogge.
Fertilizzanti: la concimazione avviene attraverso l’apporto di concimi al terreno tranne che per il boro che viene somministrato per via fogliare al fine di scongiurare la fisiopatia legata alla carenza di boro tipica dei nostri terreni acidi che immobilizzano tale microelemento nel terreno. In autunno si effettua ogni anno la calcitazione con un ammendante calcico/magnesiaco mentre in primavera si apporta solfato di potassio/magnesiaco e azoto organico ( quest’ultimo solo nelle zone particolarmente povere). Non si apporta fosforo in quanto i terreni ne sono naturalmente molto ricchi. Si effettuano ogni 2/3 anni controlli analitici
Data inizio vendemmia: 2022-09-17
Modalità di vendemmia: manuale in cassetta
Utilizzo di uve acquistate da terzi: no
Certificazioni: certificazione biologica. Ente certificatore ICEA
Eventuali notizie aggiuntive inerenti la viticoltura:

L’enologia

Modalità di diraspatura e pigiatura: certificazione biologica. Ente certificatore ICEA
Modalità di pressatura: pressa pneumatica Bucher
Vinificatori in: vasi vinari termo-coibentati in acciaio inox

Macerazione: una settimana-10 giorni a temperatura controllata a 24°C
Anidride solforosa e/o acido ascorbico: metabisolfito di potassio ai travasi e all’imbottigliamento. Dosaggio deciso in base ad analisi preventiva su solforosa libera e combinata. Si punta a non superare i 60/70 mg/l di totale sulla bottiglia finita
Utilizzo di lieviti selezionati: si utilizzano lieviti selezionati con certificazione biologica. Si effettua il co-inoculo con batteri malolattici .
Metodologia di stabilizzazione: si utilizzano lieviti selezionati con certificazione biologica. Si effettua il co-inoculo con batteri malolattici . Si effettua la nutrizione con fosfato ammonico
Filtraggi: no
Chiarifiche: no

Affinamento in acciaio: risiede in acciaio fino al 4/6 mesi prima dell’imbottigliamento
Affinamento in bottiglia: Sono i tempi di vendita a determinare la permanenza in bottiglia: in ogni caso il minimo sufficiente per l’armonizzazione .

Eventuali correzioni: no
Uso di mosto concentrato/mosto concentrato rettificato: no
Utilizzo di concentratore: no
Pratiche di “salasso”: no
Resa uva/vino: 69%

Numero di bottiglie prodotte: 2000
Tipologia bottiglia: bordolese
Tappo in: sughero

Destinazione delle vinacce: distilleria
Produzione di grappe o distillati:

Le caratteristiche chimiche

Titolo alcolometrico: 13,50 %
Acidità: 5,1 g/l
Ph:
Estratto secco: 26 g/l
Anidride solforosa libera: 25 mg/l
Anidride solforosa totale: 60 mg/l

Descrizione organolettica e libera

Il mio vino è:
giudicate voi

PREZZO SORGENTE

Prezzo sorgente relativo alla bottiglia: noi vendiamo il nostro Canavese Nebbiolo in cantina ai privati a 8 € a bottiglia iva compresa. Quando ci spostiamo per fiere e mercatini aumentiamo in media di 1 euro. €

Comments are closed.