Menfi doc Nero d’Avola Lucòri

Annata: 2017

La viticoltura

Nome vigneto/i: Vigna del Pozzo
Suolo: argilloso, di origine alluvionale
Esposizione dei filari: est-ovest
Altitudine: 20-30 metri slm

Vitigno/i: Nero d’Avola.
Portainnesto/i: 1103P
Forma di allevamento: Guyot
Età media delle viti: 20 anni
Densità d’impianto (ceppi/ha): 4.500
Produzione per ceppo (kg/pianta): 2
Produzione per ettaro (q/ha): 90

Trattamenti (tipologia e frequenza): un paio di trattamenti di zolfo ramato, tre di scorrevole. La frequenza è quando serve, cioè quando lo richiedono le condizioni atmosferiche e l’accrescimento dei germogli. Difficilmente lo zolfo viene passato dopo l’inizio di giugno, perché c’è troppo caldo.
Fertilizzanti (tipologia e frequenza): Sovescio, 1 volta l’anno
Data inizio vendemmia: 23 agosto 2017
Modalità di vendemmia (indicare se manuale o meccanica, e se manuale indicare se in cassetta, in cassone, in rimorchio): manuale in cassone
Utilizzo di uve acquistate da terzi (se sì, in che percentuale): no
Certificazioni (biologica, biodinamica, altro): Biologica, certificata da Suolo e Salute

L’enologia

Modalità di diraspatura e pigiatura: utilizzo di una pigiadiraspatrice
Modalità di pressatura: pressa soffice pneumatica a polmone
Vinificatori in (materiale): 100% acciaio.
Macerazione (durata e temperatura, specificare se controllata): 10 giorni, a temperatura controllata (circa 23-25 gradi)
Anidride solforosa e/o acido ascorbico (quantità e momento di aggiunta): solforosa, 8 g/q.le a fine malolattica, 6 g/q.le all’imbottigliamento – no acido ascorbico
Utilizzo di lieviti selezionati (se sì, tipologia e provenienza; indicare se i lieviti hanno una certificazione No Ogm): solo fermentazione spontanea sia per la fermentazione alcolica che per quella malolattica
Metodologia di stabilizzazione: sosta sulle fecce per 6 mesi con batonnages in acciaio.
Filtraggi (se sì, tipologia): no
Chiarifiche (se sì, tipologia): no

Eventuale affinamento in acciaio (durata): 6 mesi
Eventuale affinamento in botte o barrique (tipologia, capacità e n° passaggi): no
Eventuale affinamento in bottiglia (durata): consigliata 3 mesi
Eventuali correzioni: solforosa all’imbottigliamento
Uso di mosto concentrato/mosto concentrato rettificato: no
Utilizzo di concentratore: no
Pratiche di “salasso”: no
Resa uva/vino (%): 62% circa

Numero di bottiglie prodotte: 10.000
Tipologia bottiglia (borgognona, bordolese, alsaziana, albeisa etc): bordolese
Tappo in (materiale): sughero

Destinazione delle vinacce: distilleria
Produzione di grappe o distillati (si o no): no
Quantità:
Luogo e modalità di distillazione:

Le caratteristiche chimiche

Titolo alcolometrico: 13,5%
Acidità (g/l): 5,92
Ph: 3,29
Estratto secco (g/l): 35,40
Anidride solforosa libera (mg/l all’imbottigliamento): 16
Anidride solforosa totale (mg/l all’imbottigliamento): 61

Descrizione organolettica e libera

Il mio vino è: ricco di note salmastre e speziate, profumato e intrigante come il territorio di mare da cui proviene. A Menfi le estati calde e asciutte tipiche del clima siciliano sono mitigate dalle fresche brezze marine. Le uve, mai troppo dolci né surmature, cedono al vino una personalità vibrante, freschissima, molto distante dai luoghi comuni che definiscono il Nero d’Avola un “vinone”.
Lucòri Nero d’Avola è agile, snello, dalla beva semplice e quotidiana. Un vino da merenda con pane e salame, da arancini con la carne, da panelle e fritture, da cibo di strada e tagliere di salumi e formaggi. Il mio consiglio è di berlo a boccia senza pensarci troppo, tanto la bottiglia finisce subito.

PREZZO SORGENTE

Relativo alla bottiglia, indicare il prezzo sorgente compreso d’IVA: € 9,00

Comments are closed.