Tzerb vino rosso

Annata: 2015

La viticoltura

Nome vigneto/i: tanti piccoli appezzamenti sottratti all’abbandono
Superficie (ha): 1,2
Suolo: terrazzamenti aridi e acidi
Esposizione dei filari: sud
Altitudine: 450 -­ 600 m s.l.m.

Vitigno/i: Nebbiolo -­ Ciuvinasca 90%, Rossola, Brugnola, Pignola, Traonasca e altri autoctoni…
Portainnesto/i: 420°
Forma di allevamento: ritocchino storico
Età media delle viti: 70-80
Densità d’impianto (ceppi/ha): 4000
Produzione per ceppo (kg/pianta): meno di un kg
Produzione per ettaro (q/ha): meno di 20q

Trattamenti (tipologia e frequenza): max 5 trattamenti annui, citotropici solo i primi 2 in fioritura (purtroppo) per ora…
Fertilizzanti (tipologia e frequenza): solo erba di sfalcio o estirpata
Data inizio vendemmia: metà ottobre
Modalità di vendemmia (indicare se manuale o meccanica, e se manuale indicare se in cassetta, in cassone, in rimorchio): manuale, con “Brenta” a spalle dalle vigne fino alla cantina, poche strade…
Utilizzo di uve acquistate da terzi (se sì, in che percentuale): no, tutta autoprodotta
Certificazioni (biologica, biodinamica, altro): no certificazione ma solo interventi miratissimi
Eventuali notizie aggiuntive inerenti la viticoltura: venite a trovarci ;]

L’enologia

Modalità di diraspatura e pigiatura: pigiatura manuale con raspi in fermentazione, no diraspatura
Modalità di pressatura: torchio manuale
Vinificatori in (materiale): acciaio
Macerazione (durata e temperatura, specificare se controllata): 30 giorni di macerazione, temperatura cantina gestita con modalità “porta aperta/porta chiusa”
Anidride solforosa e/o acido ascorbico (quantità e momento di aggiunta): unico ingrediente uva ben matura e ben selezionata, no aggiunte.
Utilizzo di lieviti selezionati (se sì, tipologia e provenienza; indicare se i lieviti hanno una certificazione No Ogm): lieviti indigeni e batteri che vivono in cantina da secoli
Metodologia di stabilizzazione:

Filtraggi (se sì, tipologia): no filtraggio, 2 travasi annui per i primi 2 anni
Chiarifiche (se sì, tipologia): no chiarifiche

Eventuale affinamento in acciaio (durata): primi 3 anni
Eventuale affinamento in botte o barrique (tipologia, capacità e n° passaggi): piccoli esperimenti in vecchie botti di castagno locale fatte dai mastri bottai d’un tempo…
Eventuale affinamento in bottiglia (durata): dopo 3 anni in acciaio viene imbottigliato fino al consumo
Eventuali correzioni: 0
Uso di mosto concentrato/mosto concentrato rettificato: 0
Utilizzo di concentratore: 0
Pratiche di “salasso”: 0
Resa uva/vino (%): 70% circa

Numero di bottiglie prodotte: 1500-2000
Tipologia bottiglia (borgognona, bordolese, alsaziana, albeisa etc): bottiglie riciclate e sanificate
Tappo in (materiale): plastica

Destinazione delle vinacce: grappa
Produzione di grappe o distillati (si o no): vinacce date a terzi (privati)
Quantità: non saprei
Luogo e modalità di distillazione: autoproduzione con alambicco

Le caratteristiche chimiche

Titolo alcolometrico: 13,5 % alcol
Acidità (g/l): mai misurata
Ph: mai misurato
Estratto secco (g/l): mai misurato
Anidride solforosa libera (mg/l all’imbottigliamento): non so
Anidride solforosa totale (mg/l all’imbottigliamento): non so, non ne aggiungiamo mai…

Descrizione organolettica e libera

Il mio vino è: autentico, da provare!

PREZZO SORGENTE

Relativo alla bottiglia, indicare il prezzo sorgente compreso d’iva: 15 €

 

Eventuali altre considerazioni: passate a trovarci!

Comments are closed.