Villa Chiarini Wulf

Indirizzo: Strada Provinciale Norchia 40, Vetralla, Viterbo
Telefono: 0761 1790376, 347 3045733
Fax: non lo abbiamo
E-mail: prodotti@villachiariniwulf.it
Sito internet: www.villachiariniwulf.it

Proprietario: Thomas Wulf, Valentina Chiarini
Possibilità di visitare l’azienda (si o no; se sì indicare in quali giorni): sì, su appuntamento
Eventuali strutture ricettive (tipologia e n° posti):
Descrizione del nucleo famigliare e loro coinvolgimento nelle attività agricole (descrizione sintetica): proprio sintetici non riusciamo a essere perché vorremmo sottolineare la realtà di una piccola azienda agricola familiare il cui ricavato è l’unica fonte di reddito: siamo in due, i figli sono fuori casa e quando possono aiutano in vendemmia e con l’imbottigliamento. L’attività agricola propriamente detta, vigna, uliveti, cantina, acetaia, orto familiare nonché manutenzione e cura del territorio (per esempio fossi, taglio alberi morti eccetera), la svolge Thomas in prima persona con un operaio agricolo che lavora per noi 12 ore la settimana. Ma gestire un’azienda agricola oggi non significa solo lavoro sul campo e in cantina visto che il 40% circa si svolge al computer, in ufficio, alle prese con carte, moduli, registri, certificazione bio, nella cura dell’aspetto commerciale e della vendita diretta e, purtroppo, anche nel recupero crediti; tacendo dei vari imprevisti che escono fuori quasi ogni giorno. Inoltre c’è anche l’impegno familiare e domestico che hanno dignità di lavoro autentico e necessario, sperando che il femminismo non sia passato invano.

Superficie coltivata totale (ettari): 11, a regime biologico (certificazione CCPB)
Superficie coltivata a vigneto: 3 a Vetralla, 2 a Pienza in gestione ( certificazione bio ICEA).
Altre colture (quali): ulivi, aronia, orto
Eventuali prodotti acquistabili in azienda: vino, grappe, aceti, condimento balsamico, olio, prodotti dalle zone terremotate delle Marche.
Proprietà dei terreni (se una parte in affitto, specificarne l’estensione): a Vetralla sono tutti di proprietà; inoltre continuiamo a gestire i due ettari di vigneto impiantati da Thomas a Pienza nel 1989. Abbiamo inoltre una collaborazione con una vicina azienda agricola certificata biologici (Bioagricert); si tratta di vigneti che già seguivamo gli scorsi anni. Quest’anno in particolare abbiamo vinificato una splendida Falanghina. La collaborazione, come spesso accade, è nata da una serie di circostanze accidentali, tra cui la perdita del nostro vigneto Manzoni (vedi blog sul nostro sito)

Enologo o responsabile di cantina (se consulente, specificarlo): Thomas Wulf, consulente enologo Alberto Marini
Agronomo o responsabile conduzione agricola (se consulente, specificarlo): Thomas Wulf
Lavoratori fissi (indicare il numero): un operaio part time (12 ore a settimana)
Lavoratori stagionali (indicare il numero):
Tipologia di contratto di lavoro utilizzata per i lavoratori fissi:
Tipologia di contratto di lavoro utilizzata per i lavoratori stagionali: bracciantato agricolo
Ricorso a lavoro interinale (si o no, frequenza):

Vini prodotti (Denominazione e cru o nome di fantasia):
Flores (Manzoni bianco in purezza)
D’Antan Vendemmia Tardiva (Manzoni Bianco in purezza)
Ottobre (Cabernet Franc in purezza)
Terre di Carabas (Cabernet Franc, Merlot)
Allegro (Manzoni bianco e Trebbiano)

Numero totale di bottiglie prodotte (mediamente):
Vendita diretta in azienda (specificare si o no):
Vendita nella media e/o grande distribuzione (specificare si o no e se si in quali catene): Coop
Totale vendite ultimo anno (solo vino, fatturato e vendita diretta):

Una breve storia dell’azienda: Thomas Wulf, dopo una laurea in ingegneria chimica, ha iniziato il suo mestiere di agricoltore in Germania nel 1983 prendendo il diploma di tecnico agrario, e compiendo una formazione triennale in aziende convenzionali e biologiche. Nel 1988 si è trasferito a Pienza, dove ha impiantato i suoi primi vigneti già allora a regime biologico certificato (Icea). Nel 2003 insieme a Valentina Chiarini si è trasferito a Vetralla fondando l’attuale Villa Chiarini Wulf.

Cenni storici e geografici sul territorio (informazioni sintetiche): Vetralla fa parte dell’Alto Lazio ma ha un microclima a se stante, influenzato dall’aria di mare proveniente dalla costa di Tarquinia. Il terreno è vulcanico tufaceo con buone escursioni termiche tra giorno e notte, il clima tende al siccitoso. E’ un territorio splendido per gli olivi e per i vigneti da cui possono nascere grandi vini. Zona prettamente agricola sin dai tempi di Roma antica, fino a poco tempo fa nell’Alto Lazio tutte le famiglie avevano la vigna con cui si faceva il vino per casa, ma purtroppo per ragioni storiche e culturali non si è mai avuto un vero sviluppo enologico, cosa che per noi rappresenta tuttora una sfida, a volte molto frustrante. Altre informazioni e le notizie su Pienza le trovate sul nostro sito.

Condizioni ambientali del posto e dell’area di produzione (eventuali rischi ambientali): il Viterbese e nello specifico le nostre zone, non sono sviluppate dal punto di vista industriale e non hanno grandi aziende ad agricoltura estensiva (a parte i noccioleti intorno a Sutri e al Lago di Vico), perciò nonostante la vicinanza con Roma sono territori ancora puliti e sani con vasti parchi naturali e intere aree quasi intoccate.

I miei principi e idealità di produttore: i prodotti nascono dalla terra che è un organismo vivente, perciò cerchiamo di curarla e tutelarla, avendo sempre presente che l’agricoltura in quanto pratica umana è intervento attivo sul paesaggio e sul territorio. Cerchiamo di produrre vini (ma anche olio, aceto, ecc) al meglio delle nostre possibilità e sani, assecondando la materia prima con interventi il meno invasivi possibili. Cerchiamo nuove strade e nuove possibilità e osserviamo, tanto, i fenomeni della natura e quanto ci accade intorno.

La mia opinione sull’utilizzo di OGM: Come agricoltori e consumatori siamo assolutamente contrari. Sull’uso in altri campi non sappiamo. Crediamo tuttavia nell’importanza della ricerca soprattutto pubblica, che deve per sua natura considerare ipotesi diverse. Inoltre l’opposizione agli OGM dovrebbe inserirsi in un più ampio contesto che comprenda un cambiamento dello stile di vita occidentale.

Comments are closed.