Podere Foladori

Indirizzo: Località testanello in Tiedoli, CAP 43043, Comune di Borgo Val di Taro, Provincia di Parma
Telefono: 3461040114
Fax:
E-mail: poderefoladori@gmail.com
Sito internet: Podere-Foladori

Proprietario: Si
Possibilità di visitare l’azienda (si): previo accordo
Eventuali strutture ricettive (tipologia e n° posti): Ospitalità casalinga 2 posti o tenda
Descrizione del nucleo famigliare e loro coinvolgimento nelle attività agricole (descrizione sintetica): Gruppo di compagni che hanno da poco intrapreso questa avventura , per ora la produzione e solo a scopo di sostentamento ma la terra offre già diversi prodotti spontanei, quali tarassaco, rosa canina, ginepro, corniolo, castagne da farina, alloro, noci, more ortica, camomilla, melissa , menta, la maggior parte dei terreni e boschiva.

Estensione terreni (ha): 33
Superficie coltivata (ha, altitudine): 2ha 660 mt slm (non ancora coltivata ma solo accatastata come coltivabile)
Tipo di conduzione (proprietà/affitto/altro): proprietà
Tipo di coltivazione (convenzionale, integrato, biologico, biodinamico, con o senza certificazione, altre particolarità): Biologica senza certificazione
Eventuali società di certificazione: no
Eventuale laboratorio di analisi utilizzato: no

Consulenti: no
Lavoratori fissi (indicare il numero): 3 soci
Lavoratori stagionali (indicare il numero): no
Tipologia di contratto di lavoro utilizzata per i lavoratori fissi: solo i 3 soci
Tipologia di contratto di lavoro utilizzata per i lavoratori stagionali: società
Ricorso a lavoro interinale (si o no, frequenza): no

Vendita diretta (specificare se in azienda, mercati, fiere, e la percentuale): no
Vendita nella media e/o grande distribuzione (specificare la percentuale e in quali catene, per esempio Coop, Eataly, ecc.): no
Totale vendite ultimo anno (solo ortaggi e frutta, fatturato e vendita diretta): zero

Una breve storia dell’azienda: fondata nel 2015 su terreni montani in abbandono da oltre 50 anni, i 3 soci sono attualmente impegnati nella ristrutturazione del casale che ne è sede e nel ripristino dei terreni seminativi invasi dal bosco, la natura è incontaminata e non esiste traccia dell’utilizzo di nessun prodotto chimico, i terreni sono toccati da diversi corsi d’acqua sorgiva che vanno a confluire nel fiume Taro, degli oltre 33 ha 27 sono accatastati a bosco ceduo e i rimanenti a frutteto, seminativo e pascolo, contestualmente alla ristrutturazione del casale si stanno avviando piccole attività di carattere agricolo ai fini del sostentamento e auto-formativi, quali la coltivazione di zucchine, zucche, luppolo, pomodori, prugne, mele, pere, oltre ai già citati prodotti che spontaneamente crescono nella zona, primo fra i quali il castagno da farina che nei secoli è stato la principale fonte di sostentamento delle popolazioni autoctone.

Cenni storici e geografici sul territorio (informazioni sintetiche): la valle è stata colonizzzata dai Liguri prima della conquista romana, e amministrativamente collegata alla regione di Velleia nel suo “pagus diagnus” , l’odierna località Testanello è citata nella tavola alimentare dell’imperatore Traiano.
Successivamente rappresentò probabilmente il confine tra le zone controllate dai Loingobardi e Bizantini.

In epoca più recente dal dopo guerra la zona ha visto l’abbandono dell’allevamento prima e poi dell’agricoltura e il progressivo spopolamento che portò la valle anticamente popolata da oltre 5000 persone a poche presenze stabili.

Condizioni ambientali del posto e dell’area di produzione (eventuali rischi ambientali): Oltre al rischio sismico tipico dell’appennino Parmense , la zona è soggetta a frane anche a causa dell’incuria e dell’abbandono dei regimi idrici.

I miei principi e idealità di produttore: Ridare vita a un territorio abbandonato, partendo dalla produzione per sussistenza per arrivare alla condivisione di prodotti e pratiche , nel totale rispetto dei cicli naturali.

La mia opinione sull’utilizzo di OGM: Satana!

Comments are closed.